Associazione per il musicista Alberto Franchetti

Home » Posts tagged 'Alberto Franchetti' (Page 2)

Tag Archives: Alberto Franchetti

Associazione per il musicista Alberto Franchetti APS

Contatti

0522 455193
associazionealbertofranchetti@gmail.com
Codice fiscale 91144660353

Quota associativa

Quota Associativa annuale:
30,00 euro
__________________________

Seguici

FacebookFlickr
Cartoline di Germania illustrate da Leopoldo Metlicovitz, pubblicate da Ricordi per la prima esecuzione dell'opera

Giornata di studi La Ca’ d’Oro di Giorgio Franchetti @ Venezia

Venerdì 30 e Sabato 31 gennaio 2015
Venezia, Ca’ D’Oro, Galleria Giorgio Franchetti
Sala conferenze del Museo (Cannaregio 3932)

La Ca’ d’Oro di Giorgio Franchetti:
Collezionismo e museografia
Giornate di studio

Venezia2

Nell’ambito della giornata di studio di venerdì 30 gennaio, ore 11.30:
DANIELA IOTTI I Franchetti e la musica

Venezia

La Giornata di studi si prefigge – dopo le indagini già avviate in occasione della mostra dello scorso anno sulle raccolte di famiglia – un primo bilancio critico degli studi inerenti le collezioni e le vicende storiche del museo.

In collaborazione con
Associazione per il musicista Alberto Franchetti

Per info: 041 5222349
www.cadoro.org


Vita di Alberto Franchetti

Alberto Franchetti, Biografia

a cura di Lorella del Rio

Alberto Franchetti nasce a Torino il 18 settembre 1860.
Dopo aver appreso i primi rudimenti a Torino (fu la madre, ottima pianista ad avvicinarlo alla musica), la famiglia si trasferisce a Venezia e vinta l’opposizione paterna, studia armonia con N.Coccon e contrappunto con F.Maggi. Nel 1884 Franchetti termina gli studi in composizione prima al Conservatorio di Monaco, dove è allievo di J.K.Rheinberger, poi si diploma al Conservatorio di Dresda nel 1885 sotto la guida di F.Draeseke ed E.Kretschmar.
Durante gli anni di studi accademici aveva già composto romanze e pagine corali, ma fornì il primo saggio delle proprie capacità, pur nell’orbita di uno stile e di una tecnica d’impronta germanica, con la Sinfonia in si minore nel 1884, composta su tema d’esame, che racchiude pregi d’ordine superiore. Eseguita per la prima volta al Conservatorio di Dresda, venne rieseguita nella stessa città in concerti popolari e alla Cappella Reale sotto la direzione di Hagen. Dopo Dresda “… fu una gara per includerla nei loro programmi, dalle orchestre di Sondershausen, di Chemnitz, di Gotha, di Lipsia, di Monaco, di New York. La Sinfonia volava così di trionfo in trionfo rendendo popolare il nome del novello maestro Alberto Franchetti, al quale fu conferito l’Ordine Reale dei Cavalieri di Sassonia…”.
Il successo arriva con “ASRAEL”, leggenda in quattro atti di Ferdinando Fontana, rappresentata l’11 febbraio 1888 a Reggio Emilia e sostenuta finanziariamente dal padre che ne curò l’intera opera di allestimento. La prima assoluta a Reggio Emilia, sotto la direzione dell’autore, viene allestita, come già accennato, dal padre Raimondo che aveva assunto l’impresa della Stagione 1887/1888. Nel febbraio 1888 dunque l’opera riscuote incondizionato successo. Se ne fanno due sole recite, che tuttavia bastano a lanciare il nome di Alberto Franchetti attraverso le cronache ed i commenti dei critici e corrispondenti convenuti a Reggio Emilia (da ricordare inoltre che alla prova generale di quattro sere prima erano presenti in sala Puccini e Martucci).
L’opera di Franchetti viene contesa dai principali teatri e si afferma in breve anche all’estero: Amburgo, Budapest, Praga, New York, Lisbona, Buenos Aires. Dopo aver composto il “CRISTOFORO COLOMBO”, che fu rappresentato a Genova nel 1892 e dopo “FIOR D’ALPE” (libretto Leo di Castelnuovo: Leopoldo Pullé; 3 atti, Milano, La Scala, 15 marzo 1894) e “IL SIGNOR DI POURCEAUGNAC” (libretto Fontana da Moliére; 3 atti, Milano, La Scala, 10 aprile 1897, dir. Vanzo con Pinckert e Bonci; nuova versione: Genova, Politeama, 24 novembre 1897), con risultati di scarsa risonanza, Franchetti approdò nuovamente al successo internazionale con “GERMANIA”.
Da libretto di Illica “GERMANIA” fu data in prima alla Scala nel 1902 sotto la direzione di Arturo Toscanini, e più tardi al Metropolitan; l’opera arriva a Reggio Emilia nel marzo 1905. Su libretto di Gabriele D’Annunzio, in tre atti, fu rappresentata “LA FIGLIA DI IORIO”, alla Scala il 29 marzo 1906, direttore Mugnone con Pandolfini e poi Burzio.
Quest’opera è il secondo capolavoro del teatro dannunziano, il più compatto, il più omogeneo, quello per il quale ben si merita il Sommo Vate la lode cui egli più ambiva: “Questa è bella materia”.
Dopo la composizione della “FIGLIA DI IORIO”, Alberto Franchetti viene chiamato nel 1926, senza concorso, a succedere a Setaccioli nella direzione del Conservatorio di Firenze. Egli accetta, ma se ne allontanerà nel 1928 ritirandosi a vita privata fino alla morte, avvenuta il 5 agosto 1942 a Viareggio.

Convegno Internazionale 2010

 18 settembre 2010, Reggio Emilia, Sala degli Specchi del Teatro Municipale Valli
19 settembre 2010, Reggio Emilia, Sala del Capitano del Popolo – Hotel Posta

Convegno Internazionale di Studi
Alberto Franchetti nel 150° anniversario della nascita

 Franchetti conv 2010

in collaborazione con
Comune di Reggio Emilia – Assessorato Cultura e Università
Provincia di Reggio Emilia / Fondazione I Teatri
Rotary Club / Rivista “Reggio Storia” / Hotel Posta

con il patrocinio di
Città di Torino / Amministrazione Provinciale di Treviso
Comune di Albinea, Comune di Viano (Reggio Emilia)
Conservatorio “L. Cherubini”, Firenze
Fondazione Il Vittoriale degli Italiani, Gardone Riviera / Ricordi & C.

con il sostegno di
manodori
Fondazione Pietro Manodori

Vai alla scheda del Convegno

 

Album